WALK LIKE AN EGYPTIAN

PicsArt_09-27-05.48.04

Guardate i particolari dei piedi, della testa, il baricentro e questa colonna sempre diritta verso l’alto, questa è la camminata EGIZIANA.

MUSEO EGIZIO DI TORINO

FOTO: AGOSTO DI 2015 BY EDO.

Annunci

ELISABETH PAUNCZ – THIS MY YOGA TEACHER

elizabeth-300x168

Ho cominciato i miei studi formali negli Stati Uniti, a Cleveland, in Ohio, presso la Light of Yoga Society, dove ho seguito corsi e seminari per due mesi. Poi ho continuato da sola per due anni. Dopo ho studiato a Firenze con Dona Holleman per dieci anni. Infine ho studiato a Puna, in India, presso il Ramamani Iyengar Memorial Institute per un mese.
La fase successiva, iniziata molti anni fa e che continua tutt’oggi, è basata su quello che Vanda mi ha insegnato con A Priceless Relationship. Sono stata indirizzata a un approccio yoga rivoluzionario, dove spingere e sforzarsi erano banditi e il respiro è una sorgente diretta di potere. Non avevo mai immaginato che una cosa simile fosse possibile.

Nel corso degli anni ho portato i miei studenti in molti paesi, in luoghi di energia e di potere, per godere dell’energia particolare che emanava ognuno di questi luoghi. Siamo stati in molte regioni d’Italia, e all’estero in Grecia, Egitto, Corsica, Marocco, Inghilterra e Irlanda. Negli ultimi anni ho anche insegnato in molte regioni dell’India.

Il mio motto è Il Respiro Crea La Tua Vita. Quando i movimenti dello yoga sono sincronizzati con il respiro, nuovi stati mentali e fisici sono creati. Ho molta cura nel trattare ogni studente come persona unica, nel rispetto le differenze di tanti corpi e menti diverse. Le persone hanno fiducia in me.
Se movimenti fluidi e rilassati insieme allo sviluparsi della concentrazione verso la respirazione richiedono anni per addestrare la mente e il corpo, è anche vero che questo percorso dà moltissime soddisfazioni.

La musica e la danza mi arricchiscono molto sin da quando facevo parte dell’orchestra della scuola media, esperienza che ho poi proseguito partecipando a vari cori più tardi. Negli Stati Uniti, all’Università del Michigan, Eugene Ormandy ha diretto un concerto d’orchestra e il nostro coro.
Firenze offre molte opportunità per chi ama la musica, e in tutti questi anni in cui ho vissuto in questa bellissima città, ho potuto anche assistere ai molti importanti balletti e orchestre provenienti da tutte le parti del mondo. Ho dei ricordi indelebili di una master class di Mstislav Rostropovich e di un seminario di una settimana per prime ballerine assolute, concluso da Martha Graham.
Il seminario fu tenuto dai migliori maestri della scuola di Martha Graham,che tenne l’ultima lezione della settimana, un’esperienza indimenticabile.
Mi dicono che si sente l’influenza di queste esperienze nelle mie lezioni; certamente questi grandi avvenimenti hanno scolpito il mio approccio allo yoga.

I PIEDI:

Abbiamo un grosso debito nei confronti degli antichi egiziani. I loro re e regine hanno piedi aperti e solidi a terra. La maggior parte di noi non è più capace di stare in piedi correttamente. Questa capacità ci è stata restituita, ravvivata dagli insegnamenti di Vanda Scaravelli. Camminare correttamente significa sentire il proprio peso che ‘affonda’ nel tallone posteriore. Questa crea una resistenza verso il basso che attraversa l’intera gamba e che continua anche quando il tallone si solleva sulla pianta del piede mentre si prepara a fare un passo. Con lo spostamento del peso in avanti questo “tiro” dal tallone porta le dita ad allunagarsi ed aprisi. L’intera colonna vertebrale si risveglia, porta benessere, grazia, e un rassicurante senso di sé ad ogni passo.

IL SITO: http://www.florencescaravelli.com/?lang=it

ELISABETH PAUCZ – THIS MY YOGA TEACHER

elizabeth-300x168

Ho cominciato i miei studi formali negli Stati Uniti, a Cleveland, in Ohio, presso la Light of Yoga Society, dove ho seguito corsi e seminari per due mesi. Poi ho continuato da sola per due anni. Dopo ho studiato a Firenze con Dona Holleman per dieci anni. Infine ho studiato a Puna, in India, presso il Ramamani Iyengar Memorial Institute per un mese.
La fase successiva, iniziata molti anni fa e che continua tutt’oggi, è basata su quello che Vanda mi ha insegnato con A Priceless Relationship. Sono stata indirizzata a un approccio yoga rivoluzionario, dove spingere e sforzarsi erano banditi e il respiro è una sorgente diretta di potere. Non avevo mai immaginato che una cosa simile fosse possibile.

Nel corso degli anni ho portato i miei studenti in molti paesi, in luoghi di energia e di potere, per godere dell’energia particolare che emanava ognuno di questi luoghi. Siamo stati in molte regioni d’Italia, e all’estero in Grecia, Egitto, Corsica, Marocco, Inghilterra e Irlanda. Negli ultimi anni ho anche insegnato in molte regioni dell’India.

Il mio motto è Il Respiro Crea La Tua Vita. Quando i movimenti dello yoga sono sincronizzati con il respiro, nuovi stati mentali e fisici sono creati. Ho molta cura nel trattare ogni studente come persona unica, nel rispetto le differenze di tanti corpi e menti diverse. Le persone hanno fiducia in me.
Se movimenti fluidi e rilassati insieme allo sviluparsi della concentrazione verso la respirazione richiedono anni per addestrare la mente e il corpo, è anche vero che questo percorso dà moltissime soddisfazioni.

La musica e la danza mi arricchiscono molto sin da quando facevo parte dell’orchestra della scuola media, esperienza che ho poi proseguito partecipando a vari cori più tardi. Negli Stati Uniti, all’Università del Michigan, Eugene Ormandy ha diretto un concerto d’orchestra e il nostro coro.
Firenze offre molte opportunità per chi ama la musica, e in tutti questi anni in cui ho vissuto in questa bellissima città, ho potuto anche assistere ai molti importanti balletti e orchestre provenienti da tutte le parti del mondo. Ho dei ricordi indelebili di una master class di Mstislav Rostropovich e di un seminario di una settimana per prime ballerine assolute, concluso da Martha Graham.
Il seminario fu tenuto dai migliori maestri della scuola di Martha Graham,che tenne l’ultima lezione della settimana, un’esperienza indimenticabile.
Mi dicono che si sente l’influenza di queste esperienze nelle mie lezioni; certamente questi grandi avvenimenti hanno scolpito il mio approccio allo yoga.

I PIEDI:

Abbiamo un grosso debito nei confronti degli antichi egiziani. I loro re e regine hanno piedi aperti e solidi a terra. La maggior parte di noi non è più capace di stare in piedi correttamente. Questa capacità ci è stata restituita, ravvivata dagli insegnamenti di Vanda Scaravelli. Camminare correttamente significa sentire il proprio peso che ‘affonda’ nel tallone posteriore. Questa crea una resistenza verso il basso che attraversa l’intera gamba e che continua anche quando il tallone si solleva sulla pianta del piede mentre si prepara a fare un passo. Con lo spostamento del peso in avanti questo “tiro” dal tallone porta le dita ad allunagarsi ed aprisi. L’intera colonna vertebrale si risveglia, porta benessere, grazia, e un rassicurante senso di sé ad ogni passo.

IL SITO: http://www.florencescaravelli.com/?lang=it

Workshop: “I PIEDI CHE RESPIRANO”

20150919_092546-1

“I PIEDI CHE RESPIRANO”
Indicato a TUTTI gli SPORTIVI e sopratutto ai praticanti di YOGA.

“IMPERDIBILE”. #yoga Continue reading “Workshop: “I PIEDI CHE RESPIRANO””