FLESSIBILITA’

La flessibilità, detta anche mobilità articolare, articolarità, articolabilità, estensibilità ecc:

“…è la capacità di una o di un insieme di articolazioni, di muoversi liberamente per tutto il proprio range di mobilità”.

“…è la capacità di un soggetto di muovere una o più articolazioni con la massima escursione articolare possibile, senza alcun limite”.

 

Olivia

Conquistare una maggiore flessibilità nello Yoga non è lo scopo principale, anzi, i praticanti che ESAGERANO nelle esecuzioni dell’asana spesso causano un eccesso di flessibilità portando ad instabilità–lassità articolare. I soggetti che particolarmente sono meno flessibili HANNO GIA’ UN CONTROLLO INTERNO NATURALE, la conquista di una maggiore flessibilità avrà un gusto tutto speciale, altri che hanno molta flessibilità dovranno avere IL CONTROLO del corpo articolare.
In generale, più vecchio sei, più tempo ci vorrà per sviluppare il livello desiderato di flessibilità. Si spera però che con l’età si sia più pazienti.
Questo non significa che dovresti rinunciare a cercare di raggiungere la flessibilità se sei anziano o non flessibile. Significa soltanto che devi lavorare più duro, e con più attenzione, per un periodo di tempo più lungo quando tenti di aumentare la flessibilità. Una maggiore capacità dei tessuti muscolari e tessuti connettivi ad allungarsi può essere raggiunta a qualsiasi età.
Namastè.
 
Annunci

RINGIOVANIRE IL CORPO

Viparita Karani Mudra, il gesto capovolto.

Viparita 1
Foto 1
Viparita 1
Foto 2
Viparita 2
Foto 3

Sdraiati supini sul pavimento, con le bambe diritte, alzate ed appoggiate alla parete con i piedi a “martello”. Non tenere il bacino sollevato, l’osso sacro spinge verso il basso e il coccige verso il muro. Il corpo deve formare un angolo retto; le braccia parallele.

* Può essere fatto anche senza cuscino.

TEMPO: se inizierà con 5 minuti, fino ad aumentare gradatamente di uno a due minuti al giorno, con calma e senza forzature, per raggiungere il massimo dopo alcuni anni di pratica.

Questi anni di pratica richiedono sacrifici, concentrazione, costanza e serietà. Non è minimamente pensabile di riprodurre meccanicamente tutti i giorni una serie di esercizi ginnici come si trattasse di esercizi di palestra. Ogni ASANA collega ad un stato interno.

Previene problemi di vene varicose, emorroidi, e disturbi dell’apparato genitale. Tonifica il sistema nervoso e quello endocrino. Rafforza la colonna vertebrale a livello delle regioni sacrale e lombare.

Lie on your back on the floor, with bambe straight, raise and against the wall with your feet to “hammer”. Do not hold your pelvis raised, the sacrum pushes downward and the tailbone toward the wall. The body should form a right angle; arms parallel.
* It can be done even without a pillow.

TIME: If you start with 5 minutes, until gradually increase from one to two minutes per day, quietly and without force, to achieve the maximum after a few years of practice.

These years of practice require sacrifices, concentration, consistency and reliability. Is not remotely conceivable to mechanically reproduce all days a series of gymnastic exercises as it were gym exercises. Each asana connects to an internal state.

Prevents varicose veins, hemorrhoids, and disorders of the reproductive tract. It tones the nervous and endocrine systems. Strengthens the spine at the level of the lumbar and sacral regions.

Namasté.

TUTTO SU PADMASANA

Per una buona esecuzione di quest’asana ci ho impiegato diversi anni, quindi è sempre meglio avere molta attenzione perché le articolazioni delle ginocchia sono molto sollecitate.

Il mio suggerimento è: prima di eseguire PADMASANA praticate le posizioni che favoriscono le aperture delle anche, poi successivamente (sempre con l’aiuto di un insegnante esperto) cominciate con un mezzo PADMASANA, cioè, soltanto l’incrocio di una gamba su l’altra.

For a good performance of this asana it took me several years, so it is always better to have a lot of attention because the knee joints are highly stressed.
My suggestion is: before performing Padmasana practiced positions that favor the openings of the hips, then later (again with the help of an experienced teacher) begin with a half Padmasana, only the intersection of a leg of the other.

Ap7 Eduardo 24

In sanscrito questo asana prende il nome di Padmasana : Padma significa semplicemente “Loto”.

Il Loto ha per gli orientali un forte significato spirituale per via della sua particolarità di affondare le radici nel fango, di distendersi sulla superficie delle acque stagnanti uscendo da esse immacolato e bellissimo: per questo è il simbolo di chi vive nel mondo senza esserne contaminato.

In Sanskrit this asana is called Padmasana: Padma simply means lotus”.
The Lotus has for the Orientals a strong spiritual significance because of its particularity to be rooted in the mud, to lie on the surface of stagnant water coming out of them pristine and beautiful: for this is the symbol of those who live in the world without being contaminated.

Fior di Lotto

La veloce crescita dello stelo del loto, che emerge improvvisamente dallo stagno, rappresenta il dono dell’elevazione spirituale e della capacità di saper affrontare, con coraggio e coscienza, le difficoltà terrene rappresentante dal fango dove la pianta vive. La particolare caratteristica dei petali del loto, che si chiudono la sera per riaprirsi la mattina, rappresenta la forza vitale capace di rigenerarsi.

Il loto è collegato anche alla resurrezione ed all’immortalità, per via della sua caratteristica di produrre semi anche dopo quattrocento anni. Ecco perché i faraoni egizi venivano rappresentati con accanto dei fiori di loto. Anche le antiche divinità indù vengono rappresentate sedute su grandi fiori di loto e con altrettanti fiori di loto in mano. Questo simbolismo è stato fortemente ripreso anche dal Buddismo.

Molte divinità indù sono raffigurare mentre siedono su un grande fiore di loto e di loro si narra proprio che siano nate da un fiore che si è aperto al mattino. Anche Buddha, il profeta del Buddismo, secondo la tradizione, sembra sia nato da un fiore di loto. In India le donne vengono paragonate a un fiore di loto e sono chiamate Padmin, che vuol dire “Signora del Loto”.

Per gli egiziani il fiore di Loto simboleggiava il sole, la rinascita, nonché l’Alto Egitto.

The fast growth of the stem of the lotus, which suddenly emerges from the pond, is the gift of the spiritual and the ability to cope with courage and conscience, the difficulties earthly representative of the mud where the plant lives. The special feature of the petals of the lotus, which close the evening to open again in the morning, is the life force capable of regeneration.
The lotus is also connected to the resurrection and immortality, because of its characteristic of producing seeds even after four hundred years. That’s why the Egyptian pharaohs were depicted with alongside lotus flowers. Even the ancient Hindu gods are shown sitting on large lotus flowers and with many lotus flowers in hand. This symbolism was strongly taken up also by Buddhism.
Many Hindu deities are depicted as they sit on a large lotus flower and of their own that is said to be born from a flower that opened in the morning. Even Buddha, the Prophet of Buddhism, according to tradition, seems to have been born from a lotus flower. In India, women are compared to a lotus flower and are called Padmin, which means “Lady of the Lotus.”
To the Egyptians the lotus flower symbolized the sun, rebirth, and Upper Egypt.

egyptian_papyrus_ramses_isis_afterlife

Essere come il loto non vuol dire non accorgersi dei problemi della vita, ma significa saperli affrontare e superare senza lasciarsene travolgere o condizionare. Ecco perché nel simbolismo del loto, il fiore bianco è quello che meglio rappresenta lo stato di purezza mentale o spirituale comune a tutte le religioni.

La religione induista attribuisce al fiore di loto il significato di creazione e di rigenerazione, oltre agli stessi significati espressi dal Buddismo. La creazione e la rigenerazione vengono attribuiti a un principio divino femminile. Infatti, è proprio nella religione induista che le varie divinità vengono raffigurare come partorite dal calice del fiore di loto. In tal senso il loto viene considerato come il centro dell’universo. Una leggenda racconta del dio Visnu, dal cui ombelico sbocciò un fiore di loto su cui si sedeva il dio Brahma, identificato come il creatore. Visnu, invece, visto come il protettore, e Shiva, il trasformatore, sono, assieme a Brahma, le principali divinità indù associate al fioredi Loto.

Be like the lotus does not mean not to notice the problems of life, but it means knowing how to face and overcome without letting overwhelm or condition. That’s why in the symbolism of the lotus, the white flower is the one that best represents the state of mental or spiritual purity common to all religions.
The Hindu religion gives the lotus flower the meaning of creation and regeneration, in addition to the same meanings expressed by Buddhism. The creation and regeneration are attributed to a divine feminine principle. In fact, it is precisely in the Hindu religion that the various deities are depicted as arised from the cup of the lotus flower. In this sense, the lotus is considered the center of the universe. A legend tells of the god Vishnu, from whose navel a lotus flower blossomed on which sat the god Brahma, identified as the creator. Vishnu, however, seen as the protector, and Shiva, the transformer, are, along with Brahma, the main Hindu gods associated with fioredi Lotus.

Shiva
Shiva

Anche le divinità femminili vengono raffigurate sedute su un fiore di loto e con in mano un lotorosa. Si tratta della dea Lakshmi, che personifica la bellezza femminile, la fortuna e la prosperità. Questi fiori nell’induismo simboleggiano prosperità, bellezza, fertilità, eternità ed eterna giovinezza. Come nel Buddismo, sono inoltre riconducibili alla purezza e la divinità. Viene spesso portato come esempio di vita. Nella Bhagavad Gita si afferma che: “chi compie il proprio dovere senza attaccamento, affidandone i risultati al dio supremo, sarà libero dal peccato, come la foglia del fiore di Loto non verrà toccata dall’acqua”. Il Loto viene impiegato anche nelle raffigurazioni dei chakra, i nostri centri energetici.

Even the female deities are depicted sitting on a lotus and holding a lotorosa. It is the goddess Lakshmi, who personifies the female beauty, luck and prosperity. These flowers in Hinduism symbolize prosperity, beauty, fertility, eternity and eternal youth. As in Buddhism, are also due to the purity and divinity. It is often given as an example of life. In the Bhagavad Gita states that: “who does his duty without attachment, entrusting the results to the supreme god, will be free from sin, like the leaf of the lotus flower will not be touched by the water.” The Lotus is also used in depictions of the chakras, our energy centers.

Buddha lotus
Buddha

Nella religione induista, i sette principali centri energetici del corpo (chakra) vengono rappresentati proprio dai fiori di loto. Nella filosofia tantrica il loto riassume il peculiare significato di principio creante femminile.

In the Hindu religion, the seven main energy centers of the body (chakras) are represented by their lotus flowers. In tantric philosophy the lotus summarizes the peculiar significance of the female principle authoring.

RINGRAZIAMENTO A T2Films – Ap7Yoga Experience

I momenti del video realizzato da T2Films.

The moments of the video produced by T2Films.

Ap7 Eduardo 18     Ap7 Eduardo 12

Ap7 Eduardo 10    Edo preguiera

Ap7 Eduardo 9    Ap7 Eduardo 14

Ap7 Eduardo 15      Ap7 Eduardo 16

Ap7 Eduardo 22    Ap7 Eduardo 23

Ap7 Eduardo 24    Ap7 Eduardo 25 B

Ap7 Eduardo 26   Landing Page Sito

Edo Ap7Yoga    Ap7 Eduardo 8

Un ringraziamento a tutti coloro che hanno lavorato per la creazione di questo bellissimo VIDEO – Ap7Yoga Experience

Thanks to all those who worked to create this beautiful VIDEO Ap7Yoga Experience

Tommaso, Michele e Dany. (http://www.t2films.it/)

Namasté.

IL CORPO E LO YOGA

bksiyengar      Edo preguiera

Il nostro corpo è uno degli istrumenti più precisi e raffinati del mondo. Ha più di trecento articolazioni e oltre settecento muscoli. Se il sistema nervoso fosse sviluppato su un’unica linea, andrebbe da Brescia a Chicago (circa 7.000 km). Se ci collegassero arterie, vene e capillari il loro sviluppo sarebbe di 100.000 chilometri. I polmoni sarebbero estesi quanto un campo da tennis, con un apporto del sangue di 250 millilitri di ossigeno. Il cuore batte a un ritmo di circa settanta volte al minuto, pompando circa cinque litri di sangue al minuto. E’ sufficiente per capire quanta attenzione sia necessaria per ottenere una forma fisica tale da garantire la salute.

Lo Yoga mette in connessione il corpo anatomico con quello fisiologico, agisce sulla struttura del corpo per ottenere il corretto funzionamento dei muscoli e consentire il flusso ottimale del sangue nei vasi sanguini, guida la mente nel presente portandola ad un stato di calma.

L’equilibrio del corpo fisico sta nel giusto rapporto tra flessibilità e forza muscolare.

Buona pratica.

Our body is one of the instruments more precise and refined in the world. He has more than three hundred joints and muscles over seven hundred. If the nervous system was developed on a single line, would go from Brescia to Chicago (about 7,000 miles). If we would connect the arteries, veins and capillaries their development would be 100,000 kilometers. The lungs would be extended as a tennis court, with a contribution of 250 milliliters of blood oxygen. The heart beats at a rate of about seventy times per minute, pumping about five liters of blood per minute. E enough to understand how much attention is necessary to obtain a physical form such as to ensure the health.

Yoga puts the body in connection with the physiological anatomy, acts on the structure of the body to obtain the correct functioning of the muscles and allow the optimal flow of blood in the blood vessels, leading the mind in the present bringing it to a state of calm.

The balance of the physical body is in proper relationship between flexibility and muscle strength.

Good practice.

Namasté.

Tratto del libro: B.K.S Iyengar Yoga – Pensiero e Pratica

Breve commento: Edo.

PRATICARE YOGA A CASA

Piccola sequenza per chi vuole praticare Yoga a casa.

In questa sequenza sulla sedia i muscoli profondi della colonna vertebrale sono attivati (Foto 1 e 2) essi sono responsabili della posizione eretta (ottime posizioni per migliorare la postura), e nella Foto 3 si lavora sull’equilibrio (Foto 3).

VEDERE GLI ARTICOLI:

IL TONO MUSCOLARE

https://kayogabrescia.wordpress.com/2015/01/19/il-tono-muscolare/

STABILITA’

https://kayogabrescia.wordpress.com/2015/01/16/stabilita/

Foto 1: Urdva Hastasana

Foto 2: Ardha Paschimottanasana

Foto 3: Maha Vajara

20130419_124646
Foto 1  
20130419_124756
Foto 2
20130419_124710
Foto 3

In this sequence the chair the deep muscles of the spine are activated (Photos 1 and 2) they are responsible for the position Ereta (excellent positions to improve posture), and in Photo 3 working balance (Photo 3).

SEE THE ARTICLES:

THE MUSCLE TONE

https://kayogabrescia.wordpress.com/2015/01/19/il-tono-muscolare/

STABILITY

https://kayogabrescia.wordpress.com/2015/01/16/stabilita/

Photo 1: Urdva Hastasana
Photo 2: Ardha Paschimottanasana
Photo 3: Maha Vajara

Namasté

DA NON PERDERE

Viso Edo
Edo

OPPORTUNITA’!!!!

VENITE A TROVARMI QUANDO VOLETE…

Dal lunedì 26 gennaio al sabato 31 gennaio 2015 una settimana di prova libera alla Scuola di Yoga Ap7Yoga – Brescia.

Indirizzo: Via Paganora 7

Informazioni: 388 1168098 Edo.

Una settimana di YOGA “DA FARE”, organizzatevi!!!

Vi aspetto.

Foto CV
La sala di Yoga – Ap7Yoga
cropped-ap7-yoga-brescia-31.png
La pratica di Yoga

 

Screenshot_2014-04-06-09-34-28
Prendete nota dell’orario

 

Oportunity !!!!

OME FIND ME WHEN YOU WANT
Monday January 26 to Saturday, January 31 1 week free trial to the School of Yoga Ap7Yoga Brescia.
Address: Via Paganora 7
Info: 388 1168098388 1168098 Edo.

A week of YOGA TO DO”, organize yourselves !!!

I’ll be waiting.

Namastè.

L’IMPORTANZA DELLA RESPIRAZIONE

“Tutti possono constatare che quando siamo sotto stress, emozioni, affaticati, anche le difese dell’organismo diminuiscono o cadono. C’è quindi un rapporto tra sistema nervoso (centrale e periferico, ma essenzialmente centrale) e sistema immunitario.”

Anyone can see that when we are under stress, emotions, tired, even the body’s defenses diminish or fall. So there is a relationship between the nervous system (central and peripheral, but essentially central) and the immune system.”

Montalcino

Rita Levi Montalcino

“Alcune fra le più interessante ricerche attuali sul cervello hanno rivelato l’effetto di processi psicologici e specialmente dello stress, sul funzionamento del sistema immunitario.”

Some of the most interesting current research on the brain have revealed the effect of psychological processes and especially stress, the functioning of the immune system.”

R. Ornstein, R.F Thompson

“Nel mio percorso di indagine ho cercato di dimostrare come tante malattie associate all’invecchiamento, che possono colpire anche i giovani, hanno cause precise e che la conoscenza di queste cause consente di prevenirle. Lo stress è il denominatore comune a molte di queste patologie.”

In my path of investigation I tried to show how many diseases associated with aging, which can also affect young people, have precise causes and that knowledge of these causes you can prevent them. Stress is the common denominator in many of these diseases.

Luc_Montagnier-press_conference_Dec_06th,_2008-6      Luc Montagnier: Premio Nobel 2008 per la medicina

Tutte le tre citazioni hanno in comune l’argomento lo STRESS.

Qui sotto troverete un schema dove si capirà facilmente la correlazione tra STRESS e RESPIRAZIONE.

+ STRESS – DIFESE IMMUNITARIE + MALATIE

C’è una stretta correlazione tra stress e respirazione – ossigenazione, che influenzano a vicenda (A. Huxley).

+ STRESS – RESPIRAZIONE OSSIGENAZIONE

Di conseguenza, potenziando la respirazione (pratica dello Yoga Pranayama), si riesce a diminuire o sbloccare lo stress aumentando le difese immunitarie e diminuendo le malattie.

+ RESPIRAZIONE OSSIGENAZIONE – STRESS + DIFESE IMMUNITARIE – MALATTIE

All three quotes have in common the topic STRESS.

Below you will find a scheme where you will easily understand the correlation between STRESS and BREATHING.

                                          + STRESS IMMUNE SYSTEM + DISEASES

There is a close correlation between stress and breathing oxygenation, which influence each other (A. Huxley).
                                         + STRESS BREATHING OXYGENATION

Consequently, enhancing breathing (Pranayama Yoga practice), you can decrease or unlock the stress increasing the immune system and reducing disease.

                                + BREATHING OXYGENATION STRESS IMMUNE SYSTEM – DISEASES

Namasté.

IL TONO MUSCOLARE

gatto e topo

Affinché il corpo possa mantenere i suoi allineamenti naturale ed essere a suo completo agio, i muscoli devono avere il “tono” corretto. Esso è diverso per ciascuno di noi, perché ogni individuo ha il proprio particolare livello di tensione muscolare. Il tono muscolare corretto si ha quando sussiste un raffinato equilibrio tra rilassamento e tensione. Il modo migliore per capire questo concetto consiste, ad esempio, nell’osservare un gatto che punta un topo: tutto il corpo è rilassato, ma c’è una molla interna pronta a scattare in ogni istante. Un corpo troppo rilassato non può agire seguendo l’impulso del momento: è come il motore di un’auto che in inverno deve essere riscaldato prima di muoversi. D’altro canto, un corpo troppo teso è anch’esso lento: è la tensione stessa a bloccare il movimento che si vorrebbe compiere.

Il modo migliore per allenare un muscolo non è l’accorciamento (contrazione concentrica), ma il lento e controllato rilassamento contro una resistenza (peso, gravità), contrazione eccentrica (posizione di yoga).

Contrazione concentrica: quando la forza esercitata da un muscolo è in grado di vincere una determinata resistenza assistiamo all’accorciamento del muscolo e all’avvicinamento dei capi articolari interessati (es. flessione dell’avambraccio sul braccio). La fase concentrica è anche detta positiva.

For the body to maintain its natural alignments and be at his complete ease, the muscles must have the tone” correct. It is different for each of us, because each individual has their own particular level of muscle tension. Muscle tone correctly if there is a fine balance between relaxation and tension. The best way to understand this concept is, for example, observing a cat pointing a mouse: the whole body is relaxed, but there is an internal spring ready to snap at any moment. A body too relaxed can not act on the spur of the moment: it’s like a car engine that must be heated in the winter before moving. On the other hand, a body is too tight, too slow: the voltage is the same to block the movement that you would like to accomplish.
The best way to train a muscle is shortening (concentric contraction), but the slow and controlled relaxation against a resistance (weight, severity), eccentric contraction (yoga position).

Concentric contraction: when the force exerted by a muscle is able to win a certain strength we see the shortening of the muscle and the rapprochement of the joint involved (eg. Flexion of the forearm on the arm). The concentric phase is also called positive.

contrazioni

Contrazione eccentrica: sono tipiche della fase negativa di un movimento, quando il ventre muscolare tende ad allungarsi e i capi articolari ad allontanarsi. Caratterizza i movimenti cedenti, quando si asseconda la resistenza esercitata dall’esterno ed il muscolo agisce rallentando il movimento.

Eccentric contraction: they are typical of the negative phase of a movement, when the muscle belly tends to lengthen and articular heads to move away. Characterizes the movement transferors, when favors resistance exerted from the outside and the muscle works by slowing down the movement.

Namasté.