Mahler – Symphony No 2 ‘Resurrection’

Morirò per vivere

” O rossa rosellina!
L’uomo giace in grandissimo dolore!
L’uomo giace in grandissima sofferenza!
Come vorrei essere in cielo.

Risorgerai, si, tu risorgerai,
mia polvere,
dopo breve riposo!
Vita immortale! Vita immortale
ti concederò Colui che ti ha chiamato…

Con le ali che mi sono conquistato,
in uno slancio caldo d’amore,
volerò in alto
Verso la luce che nessuno mai penetrò!

Morirò per vivere!
Risorgerai, si risorgerai
mio cuore in un attimo!
Tutto ciò che ti sei conquistato,
a Dio ti porterà!

Annunci

L’energia sessuale

L’energia sessuale è la forma di energia più potente di cui l’uomo può disporre. Essa è la spinta creativa che porta in manifestazione l’Universo stesso. È infatti l’energia CREATIVA per eccellenza, la fonte primordiale di ogni genere di creazione. A seconda di come l’energia sessuale viene diretta si può creare un universo, si può creare un neonato, oppure si possono creare opere d’arte: scritti, dipinti, intuizioni scientifiche o filosofiche.

 

“Il sesso è l’arte di controllare la mancanza di controllo”

Paulo Coelho

Immagine

Qualsiasi cosa accada, non lasciare la mia mano

Informazioni:
Scritta e Composta da Michael Jackson, Teddy Riley, Gil Cang, J.Quay e Geoffrey Williams. Chitarra di Carlos Santana.

TESTO

He gives another smile, tries to understand her side
To show that he cares
She’s consumed with everything that’s been goin’ on
She says

Whatever happens, don’t let go of my hand

Everything will be alright, he assures her
But she doesn’t hear a word that he says
Preoccupied, she’s afraid
Afraid that what they’re doing is not right
He doesn’t know what to say, so he prays
Whatever, whatever, whatever

Don’t let go of my hand
Don’t let go of my hand

He’s working day and night, thinks he’ll make her happy
Forgetting all the dreams that he had
He doesn’t realize it’s not the end of the world
It doesn’t have to be that bad
She tries to explain, “It’s you that makes me happy,”
Whatever, whatever, whatever

TRADUZIONE

Lui dona un altro sorriso, cerca di capire cos’ha
Di dimostrarle che è preoccupato
Lei è divorata da tutto ciò che le sta succedendo
Lei dice

Qualsiasi cosa accada, non lasciare la mia mano

Tutto andrà bene, le assicura lui
Ma lei non sente una parola di ciò che lui dice
E’ preoccupata, spaventata
Spaventata che quello che stanno facendo non sia giusto
Lui non sa cosa dire, così prega

Lui lavora giorno e notte, pensa che la renderà felice
Dimenticando tutti i sogni che aveva
Non realizza che non è la fine del mondo
Non deve stare così male
Lei cerca di spiegare, “Sei tu che mi rendi felice,”
Qualsiasi cosa accada, non lasciare la mia mano

Plesso solare, sede delle nostre emozione

Il plesso solare è il più grande centro nervoso autonomo nella cavità addominale che controlla i riflessi della respirazione e delle funzioni addominali. Si trova nella regione dell’arteria celiaca dietro lo stomaco e sotto il diaframma.

Plesso significa “insieme di cose” e solare deriva da sole e indica il “calore”. Il plesso solare rappresenta il nostro sole, il nostro centro di energia. Da qui assorbiamo l’energia solare che, nutrendo il nostro corpo eterico, mantiene e vitalizza il nostro corpo fisico.

E’ inoltre strettamente associato alle emozioni e ai sentimenti. Infatti, spesso usiamo l’espressione “sento come un pugno allo stomaco” oppure “ho lo stomaco chiuso” quando siamo presi da forti emozioni.

Spesso i principali sintomi di ansia e di stress si ripercuotono nella zona del plesso solare, causando dissenteria o stipsi, gastrite, colon irritabile, fame nervosa. Tutto questo accade perché nella zona del plesso solare si trovano tantissimi ricettori nervosi che avvertono anche il nostro più piccolo cambiamento d’umore. Ecco perché un po’ di calore in questa zona ci distende e ci fa sentire subito meglio.

Possiamo portare calore al nostro plesso solare con una bevanda calda, una borsa d’acqua calda sulla pancia.

http://www.armonianaturale.com/

 

ORGANIZZAZIONE

“La troppo organizzazione può mettere in rischio persino il nostro senso di libertà”

La libertà, come l’amore, non può essere dimostrata, o spiegata, oppure offerta. E’ qui intorno a noi, in tutta la sua immensità. Dobbiamo solo esserne cosciente e osservare con attenzione. L’amore è ovunque, in ogni cosa, è tutto. Ma se lo confiniamo in una scatola, in un luogo preciso, scompare.

Immagine